6.6 Integratori prima consulenza

IndicazioniPosologiaprincipi attivilattosiogluten freeno vegangravidanzaControindicazioni
Tensioni muscolari, crampi, spasmi, stanchezza, ipoglicemizzanteMythoxan Forte di Mythos1 bustina o 3 compresse al giorno sia al mattino che alla sera fino al prossimo follow up (oppure meglio mezz’ora prima dei pasti). Meglio le compresse delle bustineamminoacidi essenziali + magnesio, zinco, potassio e calciosenza lattosiosenza glutinenon indicato nullano
antiinfiammatorio, per dolori articolari e muscolari, per dolore da infiammazione pelviHomair di Pharmextracta, 1 compressa a colazione e 1 a cena. A oltranzaCurcumina e Piperinasenza lattosiosenza glutinenon specificatoIn caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato. Se si stanno assumendo farmaci, è opportuno sentire il parere del medico.
gonfiore, immunomodulante, iperattività sistema immunitario, dismenorrea, endometriosiAlloro di Caira, 2 compresse prima di pranzo e 2 prima di cenaBacche di allorosenza lattosiogluten freevegandal 2 trimestre, ok allattamento
stanchezza da poco cortisoloCortiage low di Biogroup, 2 compresse al mattino, almeno per 1 meseLiquirizia, Eleuterococco, Echinacea, Elicriso, Salsapariglia
blando per insonnia e risvegli notturniMetasleep di Metagenics = 1 cp la sera per almeno 1 mese 20-30 minuti prima di dormireValeriana, Melissa, Passiflora, Melatonina, Magnesio, Vit. B6, Folato, Vit. B12senza lattosiosenza glutineok per veganinon specificatoavendo fitoestratti vegetali non ci sono risultati testati quindi non possono consigliarlo in gravidanza
per risvegli notturni, per ansia al bisognoNeurofast di Pharmextracta = 1 cp al bisogno per ansia, 1 cp prima di andare a dormire per i risvegli notturniValeriana, Biancospino, Passiflorasenza lattosiosenza glutinenon specificato
per carenza di magnesio, crampi, tensioni muscolariMetarelax di Metagenics = 2 cp al giornoMagnesio, Vit. B6, B12, Folato (100 mcg), Taurina, Vit. D (500 UI)senza lattosiosenza glutinesolo vegetarianisi

6.3 Insulina, glicemia e curva da carico

La curva da carico è l’unica che può veramente rispondere su come funziona l’equilibrio glicemico e insulinemico.
Può essere molto difficile sia da far prescrivere al medico sia trovare un centro analisi che la esegua con prelievi per 3 ore.

6.2 Perchè controllare alcuni parametri

Emocromo con formula + elettroliti

Per un controllo generico sullo stato di salute e per confrontare emoblogina con la ferritina. Gli elettroliti talvolta possono essere alterati e lə pazientə va rimandata dal medico. Nel PDF che allego in fondo ci sono delle indicazioni ma hanno usato delle unità di misura diverse da quelle usate solitamente quindi non possono essere prese in considerazione, ma ci possono essere degli spunti.

Ferritina

La ferritina è la principale forma di accumulo del ferro nell’organismo. La ridotta concentrazione nel sangue, dove funziona da trasportatore, è tuttavia direttamente proporzionale alle quantità totali e quindi la sua valutazione consente di ottenere una stima realistica della quantità di ferro di scorta dell’organismo.

Valori bassi di ferritina indicano una condizione di ridotto contenuto di ferro a livello dell’organismo; l’ipoferritinemia può essere molto pericolosa e talvolta indicare la presenza di disturbi o patologie anche gravi.

Una delle più frequenti forme di ferritina bassa è l’anemia sideropenica, una forma di anemia (ridotta concentrazione di globuli rossi) causata da carenze di ferro per

  • alterato assorbimento,
  • aumentata eliminazione

Omocisteinemia

L’omocisteina  si forma nel nostro corpo dalla metionina, un altro aminoacido. Il suo metabolismo viene regolato all’interno del nostro organismo dall’azione di enzimi e vitamine come acido folico e vitamine B6 e B12. Una carenza di queste vitamine squilibra questo passaggio, generando un accumulo di omocisteina.
Il controllo dei valori di omocisteina nel sangue (omocisteinemia) consentono anche di diagnosticare una carenza di acido folico o di vitamina B12. Inoltre, alti livelli di omocisteina nel sangue possono essere correlati ad un aumentato rischio cardiovascolare, predisponendo allo sviluppo di aterosclerosi, coronaropatia, ictus e malattie dei vasi periferici dovuta ai depositi lipidici. Il meccanismo per il quale l’omocisteina è associata ad un’aumentata predisposizione ad attacco cardiaco ed ictus non è ancora del tutto chiarito, ma sembra essere riconducibile ad alterazioni della coagulazione e danni endoteliali.

In caso sia molto alta e non scenda nonostante tutti gli accorgimenti, è indicato fare un esame per controllare la mutazione di MTHFR.

Acido urico

L’acido urico è il prodotto finale del metabolismo delle proteine, è prodotto dalla scissione delle purine (le molecole costituenti DNA e RNA) e viene scartato per via renale. Un aumento di acido urico nel sangue deriva da uno squilibrio tra la sua produzione e il suo scarto. Spesso l’acido urico alto viene associato principalmente a una eccessiva assunzione di cibi ricchi di purine (proteine di origine animale) ma è presente anche in persone vegane e in persone dopo un lungo digiuno.
Alti livelli sono anche associati con i marcatori della sindrome metabolica, che è caratterizzata da obesità, pressione alta, glicemia elevata e colesterolo alto. Ma non è ancora stato chiarito se l’acido urico causa danni o è semplicemente un sottoprodotto di altri processi che portano al metabolismo disfunzionale.

La sua concentrazione plasmatica è definita uricemia e, nell’essere umano, è compresa normalmente tra 2,5 e 6,0 mg/dL nel sesso maschile e tra 1,5 e 5,5 mg/dL nel sesso femminile. Il limite di 7,0 mg/dL è importante, perché a tale concentrazione avviene la saturazione e diviene possibile la precipitazione di cristalli tipica della gotta. Ovviamente la gotta non compare da un giorno all’altro, quindi perchè arrivare proprio alla saturazione??? Già prima di arrivare alla gotta si possono avere sintomi negativi come dolore alle articolazioni e nei tessuti dove si può accumulare assieme alla ritenzione idrica, ad esempio se si pizzica un braccio o la coscia

Acido folico

L’acido folico e i folati sono vitamine del gruppo B (sono infatti indicati come vitamina B9). Anche se frequentemente sono usati come sinonimi, i due termini vanno distinti:

  • il termine folato si riferisce alla vitamina nella sua forma naturale presente negli alimenti
  • l’acido folico (acido monopteroilglutammico o pteroilmonoglutammico) è la forma ossidata delle vitamina, e identifica la molecola di sintesi presente nei formulati vitaminici e aggiunta negli alimenti cosiddetti fortificati.

L’acido folico è fondamentale per la replicazione in vivo del materiale genico in quanto ricopre un ruolo chiave nella biosintesi di purine e pirimidine (costituenti del DNA e dell’RNA) oltre che di aminoacidi. E’ essenziale per la sintesi del Dna e delle proteine e per la formazione dell’emoglobina, ed è particolarmente importante per i tessuti che vanno incontro a processi di proliferazione e differenziazione, come per esempio, i tessuti embrionali.

Una riduzione dell’assorbimento di acido folico, e/o un conseguente aumento del fabbisogno, possono derivare anche dall’assunzione di alcuni farmaci (barbiturici, estroprogestinici), da un elevato consumo di alcol, dal diabete mellito insulino-dipendente, dalla celiachia, da patologie da malassorbimento o da alcune specifiche varianti di geni coinvolti nel metabolismo dei folati (metilene-tetraidrofolato-reduttasi, recettore dei folati).

Vitamina D 25OH

Per vitamina D si intende un gruppo di secosteroidi liposolubili necessario a numerose funzioni biologiche, prima fra tutte l’omeostasi e metabolismo del calcio e del fosfato, promuovendo la crescita fisiologica dello scheletro, il rimodellamento osseo. Si osserva anche un effetto promuovente sull’assorbimento intestinale del calcio, del fosfato e del magnesio. Non di meno, il gruppo della vitamina D sembra avere un ruolo importante sulla crescita cellulare, su varie funzioni neuromuscolari e immunitarie, e sulla riduzione dell’infiammazione.

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), basandosi su revisioni sistematiche e studi clinici pubblicati su The Lancet e Annals of Internal Medicine, ritiene non appropriate le crescenti prescrizioni di supplementi di vitamina D: in particolare questi studi hanno “sollevato dei dubbi circa l’utilità dell’impiego della vitamina D per prevenire l’osteoporosi, se assunta da sola, oltre che sui suoi effetti sulla salute in generale. Di diverso avviso è la Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS), secondo cui in Italia sarebbe affetta da carenza l’80% della popolazione: l’insufficienza di vitamina D interesserebbe circa la metà dei giovani italiani nei mesi invernali. La condizione carenziale aumenterebbe con l’avanzare dell’età sino a interessare la quasi totalità della popolazione anziana italiana che non assume supplementi di vitamina D.

In quasi tutte le mie pazienti la vitamina D è scarsa. Nel PDF in basso parlano di come la vitamina D sia usata per tamponare equilibrio acido-base, quindi anche se la persona sta al sole o mangia pesce spesso, è probabile che abbia vitamina D scarsa se la consuma in altri modi. La uso spesso come indice di buon proseguimento della terapia, se in 3 mesi di corretta integrazione non aumenta di 15 punti almeno significa che da qualche parte la si sta perdendo, ovvero la persona non sta ancora mangiando bene!

Vitamina B12

La vitamina B12 è coinvolta nel metabolismo degli aminoacidi, degli acidi nucleici – alla pari dell’acido folico coadiuva la sintesi del DNA e dell’RNA – e negli acidi grassi. Ricopre un ruolo fondamentale nella produzione dei globuli rossi e nella formazione del midollo osseo.

Si manifestano solamente in presenza di gravi deficit protratti nel tempo. Possibile la comparsa di anemia progressivamente crescente, debolezza, pallore, ittero, stanchezza, lingua liscia, pruriginosa e molto rossa, formicolii alle estremità, ridotta percezione del dolore, irritabilità, mal di testa, depressione, diminuzione delle facoltà mentali (difficoltà di concentrazione, deficit di memoria), alterazioni dell’equilibrio, disturbi del sonno.

Prolattina

La regolazione della secrezione di prolattina resta comunque molto complessa ed è determinata da diverse situazioni e da diverse sostanze, ancora molto studiate. Alcune sostanze hanno, tuttavia, un’azione più forte, essendo la dopamina, per esempio, il fattore di inibizione più potente. Al contrario certe situazioni come la gravidanza e l’allattamento del bambino rendono più alti i livelli di prolattina.

Alti livelli di prolattina possono indicare un prolattinoma o che forse la persona ne produce molta quando ha momenti di stress, questo però potrebbe comunque incidere sull’equilibrio estro-progestinico e ne va tenuto conto. Capita con quelle persone che al primo prelievo hanno un valore alto ma se ripetono dopo mezz’ora si abbassa.

TSH, FT3, FT4

La funzionalità della tiroide è importantissima. A volte si deve andare per esclusione in base ai sintomi e all’andamento della temperatura basale anche se i valori non presentano asterischi.

Quando si sospetta un ipotiroidismo autoimmune o i medici non li hanno prescritti, suggerire il dosaggio degli anticorpi anti tireoglobulina (AbTG) e la perossidasi tiroidea (AbTPO).

LH, FSH, estradiolo, progesterone:

Di questi ormoni suggerisco 3 prelievi da fare mentre viene presa la temperatura basale e tutti nello stesso ciclo ormonale.
Se il ciclo mestruale è molto sballato o se la persona è in amenorrea fare solo un prelievo. Se la persona fa una terapia ormonale estroprogestinica o solo progestinica, valutare se suggerire un prelievo di controllo oppure 2 prelievi se la persona anche con EP ha molti sintomi negativi.

Di solito:
– 1 prelievo tra il 2 e 5 gg di ciclo
– 2 prelievo a cavallo dell’ovulazione, da calcolare in base alla temperatura basale. Potendo osservare la temperatura basale al momento della prima visita sarà facile spiegare alla persona quando fare il prelievo
– 3 prelievo da fare 5-7 giorni dopo l’ovulazione

Questi ormoni, assieme ai sintomi e alla temperatura basale ci aiuteranno a comprendere meglio come funzionano le ovaie.

Esame urine

Il pH normale dovrebbe essere tra 6,5 e 7. Se inferiori si nota che c’è una reazione di acidificazione o una infezione. Si valuta anche il peso, se più alto di 1020 la persona beve poco.

Curva da carico glicemica ed insulinemica

La curva da carico “utile” è quella con prelievi a 0/30/60/90/120/150/180 minuti e che vada a scansionare sia la glicemia che l’insulinemia. Curve con prelievi in 2 ore o senza insulina possono dare veramente pochi dati.
La curva da carico è l’unico mezzo che può realmente dire se la persona produce troppa insulina e come il corpo gestisca la glicemia. L’indice di HOMA purtroppo indica una situazione già patologica dove si hanno sempre glicemia e insulinemia alte. Ci sono persone con indice di HOMA nella norma che hanno ipoglicemie reattive, insulinoresistenza e perfino diabete, ma emerge solo con la curva da carico.

Ecografia pelvica

Si suggerisce una ecografia pelvica per controllare lo stato di salute di utero e ovaie preferibilmente a cavallo ovulazione o in fase luteale, se fatta nell’ultimo anno farsi inviare quella. Importante conoscere il giorno del ciclo mestruale quando è stata fatta.

Temperatura basale

Si suggerisce alla donna di prendere la temperatura basale e segnare segni/sintomi connessi al ciclo mestruale. Continuerà a servire, oltre che per comprendere quali integratori suggerire, anche per monitorare l’andamento del percorso.

Approfondimento

Questo file l’ho avuto a un convegno di una casa farmaceutica. Loro hanno dei punti di vista lontani dai miei, usano macchinari che difficilmente si potrebbero usare e dei test difficili come misurare i minerali dai capelli (anche perchè i risultati che analizzano sono tutti sui capelli e poco riportabili ai valori ematici). Ovviamente per le varie problematiche propongono i loro prodotti, all’inizio avevo suggerito qualcosa di loro ma poi ho smesso, non vedevo grandi risultati.
Ma ci sono alcuni punti nelle 256 slide che possono essere interessanti. Scorretele veloci, alcune parti sono troppo scientifiche ma ci sono riquadri molto carini con informazioni utili soprattutto sul metabolismo.

5.8 Anamnesi Silvia

1 visita 21/04/2022 onlineconsulenza mestruazioni 1,5hmenometrorragie da dopo la gravidanza
nessuno ha mai capito quello che stesse succedendo, tutti i ginecologo la cura EPnel momento in cui la smetteva dopo qualche ciclo di nuovo mestrui abbondanti e lunghe
ultima visita gine 12/2020
1 f.up 
identità di generedonna
orientamento etero
Età35 anni
Comune di residenzaprovincia novara
Professione/come passa la maggior parte del tempoda novembre che è in malattia, fa orto, casa, militare, magazzino vestizione. Sedentario
Scolarità geometra + laurea archivista
Stato civile: separata dal marito,
Allergieno
patologiedepressione da novembre. ORA sta bene, doveva rientrare in questi gg ma ha il covid
stanca si con covid
corpo/colonna etcultimamente no, si allena costantementeha delle calcificazioni alla spalla Dx e fa esercizi con fisioterapista
Energiebene quando sta bene di testa= al mattino caricanei periodi di down non ne ha
sonnoora bene, fatto un lavoro con la psi
traumi corpoincidente col motorino e rotta il coccige
interventiTC per podalico 
patologie familiarimadre diabeticapadre cardiopatico e ictus un paio di anni fa
mestruazioni maternenon lo sa, non si è mai lamentata
Hobby, sport, attività ora attiva, workout casalinghi= gg di forza e giorni di cardiosta calando di peso gradualmente
tennis, prima si è sempre mossa, corsa, palestra, pre gravidanza
esami vecchi


febbraio 2022glicemia90*insulina11*emoglobina glicata5,3%* equivale a 105 gliecemia mediaomocisteinemia5,8uricemia3colesterolo tot289** (EP)trigliceridi 608**vitamina B12573vitamina D22,6**TSH0,87
Alimentazionesta cercando di eliminare alimenti di provenienza animale
ora mangia quello che ha vogliapasta/riso sempre a pranzo = sugo verdure. la sera i cereali, zuppe. Legumi o tempeh quasi tutti i giorni
carboidrati
proteine animali
latticini
legumi
verdure
frutta
acqua/infusi/eccnon sa
Alcol (presente e passato)no, sporadicamente
Caffè e sostanze contenenti caffeina1-2 al gg
Fumo (presente e passato) che tipo di sigaretteogni morte di papa
altezza 160
peso80
cambiamenti pesopreso 25 kg in gravidanza, prima normopesoinizio gravidanza 63, 
ha sempre e perennemente fameha provato a fare diete, ma soffre di disturbi alimentarericoverata un mese a 12/2019 e ha preso in mano la situazioneabbuffate non ne ha piùsceglie ancora alcuni alimenti per tamponare emozioni (arrabbiata e ansiosa, vuole cibi da masticare)disturbi alimentari da quando ha 17 anni, anoressia nervosa e poi fase bulimica e poi binge eating

ANAMNESI MESTRUALE

Menarca 10,5 anni, non ricorda
Mestruazioni successivePRIMA GRAVIDANZA sempre regolari, non sa però quanto durassero, forse 28 gg. si ricorda che erano un orologio5-6 gg di flusso
menometrorragie da dopo la gravidanzanessuno ha mai capito quello che stesse succedendo, tutti i ginecologo la cura EPnel momento in cui la smetteva dopo qualche ciclo di nuovo mestrui abbondanti e lunghe
ultima visita gine 12/2020smesso EP gennaioultimi cicli andata bene ma ha paura che tornerà come prima
prima della gravidanza cicli normali, no dolore, 
ultimo mestruo da EP fino al 8 di febbraiopoi 4 marzo
durata del ciclo mestruale
spotting pre mestrualesia pre mestruo che in mezzo al ciclo, rosa2 gg
durata delle mestruazioni, quantità e colore1 settimana
spotting post mestruale2-3
cosa usa per mestruo
Da visite ginecologiche
segni e sintomi
desiderio
quandodove
ovulazione
pms
mestruazioni
sessualità
Numero di gravidanze, aborti, IVG
difficoltà a concepire
antonio, 7 anni

5.7 Anamnesi Giulia

1 visita 17/05/2022 onlinemestruazioni 1,5hfine 2018 hanno iniziato ad essere molto doloroseora anche di più,soprattutto dal 2 gg con il flusso più importantesi deve assentare dal lavoro.
1 f.up 
identità di generedonna
orientamento etero
Età36
Comune di residenzalazise, verona
Professione/come passa la maggior parte del tempolavora di studio o in cantiere
Scolarità liceo + laurea architetta
Stato civile: sposata 
Allergieno
patologienessunapercorso psi
corpo/colonna etcmuscolo della coscia Sx tipo quadricipite e un po’ inguine, di più con mestruo, a volte anche fuori dal mestruo
Energieinsommacon primavera meglio. tutto l’inverno le è sembrato di essere in letargo e dormiva moltoora con sole meglio
sonnoverso le 5.30 diventa leggero e si rigira. Si alza alle 7
traumi corpomignolino
interventicisti ovarica 2015
patologie familiarizia k mammariopadre polipi intestinalipadre con circonferenza eccessiva
mestruazioni maternesa poco, dopo aver avuto i figli non ha più sofferto di dolori.menopausa in forma, 
Hobby, sport, attività poco movimento, ogni tanto cammina
esami vecchi
Alimentazioneprevalentemente vegetariano, ogni tanto carne e pesce ma non spesso
colazione varia: pancake con frutta, fette con marmellata, frutta secca di solito o yogurt con frutta seccae caffè
pranzo: porta in ufficio, insalatona (2 a settimana con insalata, carote, tonno, semini)  o uova con verdura, frutta secca OPPURE pokè o couscous e verdure
cena: di solito verdure, hamburger di carne o vegetali (più cerealosi)ogni tanto pesce al fornopasta (1-2 vv a settimana)
2-3 vv a settimana mangia fuori
carboidrati
proteine animali
latticini
legumi
verdure
frutta
acqua/infusi/eccpoca, se arriva a 700 ml è tantissima
Alcol (presente e passato)beve, no quotidianamente, 2-3 gg a settimana
Caffè e sostanze contenenti caffeina3-4
Fumo (presente e passato) che tipo di sigaretteno
altezza 165
peso56-57
cambiamenti pesoda piccola più in carnestabile poi dopo lo sviluppo
mette su peso su addome
FAME: DEI GG IN cui non sente fame, altri in cui arriva affamata a cenaaltri gg mangia più spesso per distressdopo i carboidrati si assopisce un po’, le viene da addormentarsi

ANAMNESI MESTRUALE

Menarca 12 anni, fastidio alla vulva, arrivate a sorpresa
Mestruazioni successiveprimi anni prendeva antidolorifico il 1 ggverso i 20 anni EP, 2-3 anni
quando ha smesso duravano 3 gg e non 7 come prima
2018 ha iniziato a stare male di nuovo
durata del ciclo mestruale24-29 gg
spotting pre mestruale
durata delle mestruazioni, quantità e colore5-6 gg1 gg scarso con dolori alla gamba o schiena e dolore pelvico, la vulva come se si contraesse, 2 gg esplode il malesserecon grumi
spotting post mestrualedi cui 2-3 gg
cosa usa per mestruo
Da visite ginecologichefine 2018 hanno iniziato ad essere molto doloroseora anche di più,soprattutto dal 2 gg con il flusso più importantesi deve assentare dal lavoro.la ginecologa le ha detto di prendere antidolorifici nel 2019
2015 asportate cisti di 4cm = cistoadenoma sieroso dell’ovaio 
segni e sintomibrufoli in pmspoca libido
desiderio
quandodove
ovulazione
pmsdolore alla gambabrufolicostipazioneun po’ di vampatezona pelvica un po’ dolorante, misto fastidio
mestruazionida antidolorifico + acqua calda su pancia dolore fianco Sx
dolore ano, lombalgia, male alla gamba, sente perineo che si chiude
sessualità
Numero di gravidanze, aborti, IVGno
difficoltà a concepire

5.6 Anamnesi Roberta

1 visita consuelnza mestruazioni 2h
sono molti anni che in pms e in ovulazione ha dei grandi scatti di rabbia o forte tristezzae negli ultimi anni è diventata tanto forte
ovulazione tristezza
1 f.up 
identità di generedonna
orientamento etero
Età36
Comune di residenzaancona, marche
Professione/come passa la maggior parte del tempoimpiegata, seduta male
Scolarità ragioneria, scienze formazione
Stato civile: sposata
Allergieprobabilmente ai fans
patologieno
corpo/colonna etcincricchio alla spalla da un mesettoquando va molto in stress ha tachicardia, 
Energie10 aprile padre deceduto, poi distress con fratello
al mattino si sveglia attiva, felicedopo i pasti calano energie, più dopo cena
sonnoqualche risveglio notturno per il figlio di 3 anni
traumi corpocaviglia dx e piccoli incidenti con trapezi, colpi di frusta
osteopata dice che ha il coccige un po storto o uncinato
interventisetto nasaletolto un fibroma al seno di 3 cm
patologie familiarino
mestruazioni maternenon sa moltovampate
Hobby, sport, attività sport in passato pallavolo fino ai 20 anni agonisticopoi atleticapoi ha deciso che non faceva per leiultimamente fino a 2,5 crossfit
esami vecchi2016glicemia 94colesterolo 200
Alimentazioneno latticini
onnivora, cucina molto in casa
colazione: tisana + torta o brioche che cucina leipranzo: varia molto, insalata con pizzetta o pasta o varie a cena: cereali, 2 vv pesce, 2 carne, 1 pizza
carboidratipizza/carbo tutti i ggse mangia pasta con sugo verdure non mangia insalata
proteine animali
latticini
legumi
verdure
frutta
acqua/infusi/eccpiù o meno 1,5 lt
Alcol (presente e passato)si, marito enologodurante la settimana 1 gg si e uno no, fine settimana di più
Caffè e sostanze contenenti caffeina1 al gg
Fumo (presente e passato) che tipo di sigaretteno, prima si
altezza 181
pesonon sa
cambiamenti pesoè dimagrita per periodo intenso, mangiando sempre uguale
tende ad accumulare soprattutto nei fianchi ma anche pancia
FAME: emotiva e nervosa. a volte mangia per senso di sazieta più che per il piaceredopo pasta ha fame di dolci dopo 2 ore

ANAMNESI MESTRUALE

Menarca 1 media, ok
Mestruazioni successiveno dolore, massimo 2 su 10

andata da una collega che le ha detto che doveva dedicarsi più tempo
durata del ciclo mestruale30 gg
spotting pre mestruale1 gg
durata delle mestruazioni, quantità e colore6-7 gg, il 1° e 2° gg flusso abbondantealtrimenti flusso scarso per altri 2 gg
spotting post mestruale1-2 gg
cosa usa per mestruo
Da visite ginecologicheecografia: utero Avfovaie non viste
fibroma peduncolato endometrio
segni e sintomino
desiderioscarsa
quandodove
ovulazioneovulazione tristezza
pmssono molti anni che in pms e in ovulazione ha dei grandi scatti di rabbia o forte tristezzae negli ultimi anni è diventata tanto forte
tensione mammaria leggera
peggiorato negli ultimi 3-4 anni
mestruazionino dolorea volte sensazione di stanchezza
sessualità
Numero di gravidanze, aborti, IVGno
difficoltà a concepiremarito sterile